Elogio della chimica organica

Alessandro Giuliani 03/05/2017

Probabilmente molti lettori di Bene comune non hanno mai avuto l’esperienza di dover sostenere un esame universitario di chimica organica. Si sono persi una delle occasioni più rasserenanti e purificatrici che ci sia dato di esperire in questa vita...

La riforma dell’ONU e L’Europa come laboratorio di “statualità sostenibile”

Antonio Papisca
18/05/2017

Pubblichiamo la sintesi di un contributo del professor Antonio Papisca - morto lo scorso 16 maggio - apparso nel volume, curato da Lino Bosio e Fabio Cucculelli, "Costrure l'unità della famiglia umana. L'orizzonte profetico del Cardinale Pietro Pavan (1903-1994). Un modo per rendere omaggio a questo compagno di viaggio del nostro cammino verso il bene comune.

Disarmo

Fabio Cucculelli29/02/2016

Il termine si riferisce alla limitazione o all’abolizione degli armamenti bellici attraverso un complesso di norme relative al loro uso. Viene accostato al concetto di non violenza e costituisce uno snodo fondamentale della nascita e dello sviluppo del movimento pacifista e non-violento

Gargano, Il grido della Terra di fronte alle ingiustizie

Valentino Bobbio 25/05/2017

Gli incontri Celimontani dello scorso anno, promossi dalle monache e dai monaci camaldolesi di Roma, hanno affrontato il tema dell’economia, ossia della produzione, dell’accaparramento e della distribuzione delle risorse. Obiettivo: verificare le indicazioni della Sacra Scrittura per costruire spazi di giustizia in cui l’economia possa rispondere ai bisogni delle persone

Intervista a Luciano Gallino: "Contro la precarietà. Una politica globale del lavoro"

Pubblichiamo di nuovo un'intervista a Luciano Gallino, scoparso lo scorso 8 novembre, apparsa su Formazione & Lavoro nel 2008. Vogliamo ricordare così uno dei più grandi sociologi italiani a cui spesso abbiamo fatto riferimento

Home | Aprile 2017 A pensieri estremi... | A pensieri estremi...

A pensieri estremi...

Quali rimedi per evitare il fanatismo?
Editoriale di Paola Vacchina

Estremismo islamico, estremismo di destra e di sinistra, ma anche sport estremo. All’aggettivo estremo vengono accostati fenomeni ed ambiti molto diversi tra loro.

Oggi, come ieri, è necessario fare chiarezza sui termini che usiamo, provare a realizzare un’operazione culturale che cerchi di comprendere come nasce e si forma un pensiero estremo.

Crediamo, in questo senso, utile far riferimento ad alcune idee del sociologo Gerald Bronner, autore di un’interessante libro – che abbiamo recensito sul nostro sito - dal titolo: “Il pensiero estremo. Come si diventa fanatici” (Il Mulino, Bologna 2012).

Per la maggior parte del tempo – osserva Bronner - il cittadino comune, inserito in un contesto sociale normale, stabilisce rapporti incondizionati soltanto con valori che, anche se estremizzati, non possono in alcun modo nuocere agli altri. E’ proprio questo aspetto che fa di lui un cittadino ‘normale’ e lo distingue da un fanatico”. In quanto esseri umani la nostra conoscenza ha dei limiti oggettivi, che ci espone ad affidarci a delle credenze per poter stare al mondo. Secondo il sociologo francese molte di queste credenze sono innocue alla convivenza e quindi non sono pericolose. Altre invece, se portate all’estremo, diventano particolarmente dannose e letali, e sono quelle che ci fanno indignare di fronte a quelle che riteniamo giustamente le disumanità degli estremisti, ma che per loro sono perfettamente logiche. Infatti, secondo Bronner, è necessario realizzare un percorso anche culturale per comprendere come questi individui siano giunti a questi comportamenti estremi.

Di fronte ad alcune forme di pensiero estremo – sostiene ancora il sociologo - proviamo una sorta di stupore contraddittorio: una collera che nasce dall’incomprensione. Questo sentimento costituisce già di per sé un enigma, che chiama in causa la nozione di pensiero estremo. Mi spingerei ad affermare che le differenti manifestazioni del pensiero estremo rappresentano uno dei principali enigmi dell’epoca contemporanea”.

Da queste premesse, da questa prospettiva di analisi la nostra redazione si è convita dell’utilità di realizzare un focus sul tema del pensiero estremo per rispondere – a partire da diverse prospettive di analisi - ad alcune domande di fondo: come nasce il pensiero estremo? In quali ambiti si manifesta? In che modo idee filosofiche, religiose e politiche portano a scelte ed azioni estreme? Come e perché si diventa estremisti? E’ possibile incanalare il pensiero estremo ed evitare che assuma derive terroristiche?

Iniziamo con il nostro direttore, Leonardo Becchetti (economista), che ci mostra “come il pensiero estremo in economia è facilmente identificabile in tre proposizioni riduzioniste che riguardano la persona, l’impresa ed il valore”. Questi tre riduzionismi hanno influenzato per molto tempo comportamenti e pensieri diffusi in ambito economico ma col passare del tempo, i loro limiti sono apparsi sempre più evidenti: la sua dittatura sembra ormai superata nei fatti.

Proseguiamo con Stefano Biancu (filosofo) osserva come l’islamismo fanatico, minoritario e nemico dichiarato dell’Occidente, rappresenti forse il prototipo del pensiero estremo. “Tuttavia non si tratta dell’unica forma possibile di pensiero estremo. Concludere che il pensiero estremo costituisca una possibilità estranea all’Occidente cristiano, costituirebbe anzi a sua volta un esempio di pensiero estremo”.

Gianfranco Zucca (Iref) sottolinea come “il pensiero estremo e la violenza che ne consegue necessitano di essere affrontati, depotenziandone la componente ideologica, non solo per via argomentativa, ma anche mettendo alla prova dell’esperienza le convinzioni degli estremisti. Si tratta di una posizione che non ha nulla a che fare con principi libertari, ma basata su constatazioni di ordine pragmatico”.

Tiberio Graziani (politologo), il cui contributo verrà pubblicato nei prossimi giorni, ricostruisce le radici storiche delle forme politiche che il pensiero estremo ha assunto nel contesto attuale.

Proponiamo inoltre due interessanti interviste, realizzate da Fabio Cucculelli, quella a Mario Capanna (leader del movimento studentesco del ’68) e quella a Manlio Milani (Presidente dell’Associazione dei caduti di Piazza della Loggia).

Infine, come sempre, offriamo una selezione di articoli presenti in rete che affrontano il tema del pensiero estremo offrendo ulteriori chiavi di lettura.

Stampa l'articolo pdf icon

Condividi:


Segui benecomune.net rss


Leggi gli altri articoli pubblicati in Aprile 2017 A pensieri estremi...

Esiste un pensiero estremo in economia? Leonardo Becchetti 28/04/2017

Cristianesimi estremi Stefano Biancu 28/04/2017

Intervista a Manlio Milani: "Il dialogo, via per combattere le derive del pensiero estremo" Fabio Cucculelli 28/04/2017

Intervista a Mario Capanna: "Il pensiero come antidoto ad ogni fondamentalismo" Fabio Cucculelli 28/04/2017

In rete 28/04/2017

Per il pensiero estremo c’è solo la “Cura Ludovico”? Gianfranco Zucca 28/04/2017