Croste: Bob Marley, Che Guervara, Padre Pio

Alessandro Giuliani 20/03/2017

Domenica scorsa mi sono soffermato a osservare una ‘contingente trimurti’ costituita dai ritratti affiancati di Bob Marley, Che Guevara e Padre Pio. Mi è subito venuto da pensare quale destino avessero avuto le ‘rivoluzioni’ evocate dai tre personaggi..

Prima e seconda globalizzazione: effetti, reazioni, prospettive

Marco Moroni 13/03/2017

Secondo vari studiosi, la globalizzazione che stiamo vivendo è soltanto la seconda globalizzazione. Ripercorrere la storia della prima globalizzazione è utile per comprendere meglio quanto sta avvenendo oggi...

Disarmo

Fabio Cucculelli29/02/2016

Il termine si riferisce alla limitazione o all’abolizione degli armamenti bellici attraverso un complesso di norme relative al loro uso. Viene accostato al concetto di non violenza e costituisce uno snodo fondamentale della nascita e dello sviluppo del movimento pacifista e non-violento

Sachs, un altro mondo è possibile

Marco Bonarini 13/03/2017

"Lo sviluppo sostenibile è caratterizzato da quattro dimensioni perché le tre tradizionali – sviluppo economico, inclusione sociale e sostenibilità economica – hanno bisogno di essere supportate da un quarto elemento: una buona governance"

Intervista a Luciano Gallino: "Contro la precarietà. Una politica globale del lavoro"

Pubblichiamo di nuovo un'intervista a Luciano Gallino, scoparso lo scorso 8 novembre, apparsa su Formazione & Lavoro nel 2008. Vogliamo ricordare così uno dei più grandi sociologi italiani a cui spesso abbiamo fatto riferimento

Home | Dicembre 2016 Scelta di pace | Educare alla pace significa curare le anime

Educare alla pace significa curare le anime

Risulta del tutto vano predicare la pace e la non violenza senza prenderci carico della condizione interiore dell’umanità concreta. Dobbiamo uscire dal moralismo e dall’ideologismo, per entrare in un’ottica terapeutica e spirituale: la violenza è una malattia, l’effetto inevitabile di una alienazione radicale. E' a questo livello che dobbiamo lavorare, se vogliamo per davvero educare qualcuno alla pace.

Credo che per educare veramente una persona alla non violenza oggi, agli inizi del terzo millennio dell’era cristiana, dobbiamo uscire da ogni facile retorica o ideologia pacifistica, da ogni impostazione moralistica, ed entrare nel merito dei difficili cambiamenti interiori che ogni autentico processo di pacificazione richiede.

In tutti noi sussiste, infatti, una potente e spesso inconsapevole propensione alla violenza e alla distruttività, tanto che la guerra sembra costituire una costante di tutta la storia planetaria che conosciamo. Lungo il XX secolo abbiamo visto crollare le illusioni illuministiche e anche marxistiche, che vedevano il male solo come un effetto di ingiustizie sociali, rimosse le quali l’umanità avrebbe conosciuto un’epoca di pace e di prosperità. Le guerre mondiali, i campi di sterminio, le violenze dei totalitarismi, la tirannide comunista ci hanno mostrato in modo nuovo e sconvolgente quanto abissale sia invece il cuore dell’uomo, contraddittorio e potenzialmente violento. Parimenti la psicoanalisi, la filosofia esistenziale, l’arte e la letteratura hanno sondato gli abissi inferi dell’anima umana, rivelando la sua furibonda brama di morte e di distruzione: “un baratro è l’uomo e il suo cuore un abisso” (Salmo 63,7).

Potremmo dire che il XX secolo riproponga in vario modo un’antropologia dell’uomo ferito, abitato da abissalità oscure e inconsce, da furie e pulsioni quasi incoercibili. E’ questa ferita lancinante, che spezza il cuore di ogni uomo, e che ci fa sentire sempre in colpa, scissi, incompiuti, la vera causa originaria della nostra violenza: l’essere umano è violento, è aggressivo, avido, bramoso, invidioso, e omicida, proprio perché è radicalmente infelice, lacerato, disperato, letteralmente fuori di sé, alienato. Cosa d’altronde ben nota all’antropologia spirituale cristiana: “Non è vero che l’uomo nel corso di tutta la sua storia si trova alienato, martoriato, abusato? La grande massa dell’umanità è quasi sempre vissuta nell’oppressione, e da altra angolazione: gli oppressori – sono essi forse le vere immagini dell’uomo o non sono invece essi i primi deformati, una degradazione dell’uomo? Karl Marx ha descritto in modo drastico l’alienazione dell’uomo, anche se non ha raggiunto la vera profondità dell’alienazione, perché ragionava solo nell’ambito materiale” (J. Ratzinger).

Ecco perché oggi risulta del tutto vano predicare la pace e la non violenza senza prenderci carico della condizione interiore dell’umanità concreta. Sarebbe come predicare ad un malato terminale di saltare con l’asta, continuando a ripetere quanto sia bello e opportuno superare i due metri. Dobbiamo definitivamente uscire dal moralismo e dall’ideologismo, per entrare in un’ottica più propriamente terapeutica e spirituale: la violenza è cioè una malattia, l’effetto inevitabile di una alienazione radicale, per cui è a quel livello che dobbiamo lavorare, se vogliamo per davvero educare qualcuno alla pace.

In base alla fede cristiana è solo la rinascita nello Spirito di Cristo che ci può risanare, guarire la nostra ferita, e donarci una vita finalmente integra, e liberata dagli effetti del peccato, che ci separa da Dio e quindi ci inimica ogni uomo. Il problema che oggi si propone però è questo: in che misura i cristiani hanno fatto e fanno esperienza di questa riconciliazione interiore? Come mai, lungo questi secoli cristiani, nelle nostre civiltà e società “cristiane” la violenza ha continuato a dominare con tanta virulenza? Come possiamo entrare in un’epoca nuova di maggiore realizzazione del miracolo della nostra guarigione profonda? Che cosa può significare cioè una nuova evangelizzazione-pacificazione innanzitutto dei cristiani?

L’educazione alla pace insomma oggi si presenta come un’urgente necessità su due livelli distinti e correlati, uno spirituale e l’altro politico-pedagogico: da una parte si tratta di rinnovare radicalmente gli itinerari iniziatici cristiani, affinché la pace di Cristo venga sperimentata quotidianamente come il balsamo che cura la nostra disperazione, e che ci libera di conseguenza dalla violenza che essa produce. Mentre dall’altra siamo chiamati a formulare cammini educativi per tutti, del tutto laici cioè, dall’asilo alle formazioni professionali, che comunque si prendano cura del cuore ferito dell’uomo, e cioè della sua strutturale alienazione, e lo aiutino a camminare verso stati di maggiore integrità/felicità, per rinnovare così alla radice le forme deteriorate e spesso terminali della nostra convivenza urbana, nazionale, e planetaria.

Questo comporta ovviamente una grande sperimentazione pedagogica e spirituale, che sappia comporre in modo efficace diversi livelli formativi. Oggi infatti abbiamo bisogno sia di strumenti interpretativi molto più adeguati alle sfide epocali in atto, e cioè di una nuova cultura della trasformazione (livello culturale), sia di conoscere molto più a fondo le nostre forme psichiche difensivo-aggressive, e cioè come continuiamo a chiuderci, a isolarci, a odiare, e a mettere a distanza gli altri, spesso senza nemmeno accorgercene (livello psico-esistenziale). E infine abbiamo bisogno anche di placare la nostra mente affannata, e quindi spesso violenta, insegnandole a placarsi, a respirare, e a dilatare la sua visuale interiore, in quanto, come dice il profeta Isaia:
Nella conversione e nella calma sta la vostra salvezza,
nell’abbandono confidente sta la vostra forza
” (Is 30,15).

Questo metodo integrato di educazione alla pacificazione va poi trasmesso attraverso relazioni calde, di gruppo, e di accompagnamento fraterno e prolungato, come cerchiamo di fare da 18 anni nei nostri Gruppi, denominati appunto Darsi pace.

La guerra insomma è innanzitutto e sempre di nuovo dentro il cuore dell’uomo, di ogni uomo, e in ogni momento. Sorvolare su questa realtà attardandoci ancora su considerazioni estrinseche, solo morali o sociali, significa semplicemente incrementare la rabbia delle nostre parti scisse e inascoltate. Dobbiamo invece imparare ad ascoltarle fino in fondo queste parti furenti e addolorate, a riconoscere la loro forte presenza e influenza dentro di noi, affinché possano essere corrette, e le loro energie distruttive possano venire convertite in energie creative, e per davvero capaci di costruire relazioni pacificate.

Stampa l'articolo pdf icon

Condividi:


Segui benecomune.net rss


Leggi gli altri articoli pubblicati in Dicembre 2016 Scelta di pace

Scelta di pace Paola Vacchina 29/12/2016

Il disarmo e la nonviolenza: vie per la risoluzione dei conflitti Alfredo Cucciniello 29/12/2016

La nonviolenza interiore, attiva e politica come via alla pace Enrico Peyretti 29/12/2016

Lo stile della politica per la pace Claudio Gentili 29/12/2016

La pace è la meta. La nonviolenza è la via Mao Valpiana 29/12/2016

In rete 29/12/2016

La “guerra a pezzi” e la “geopolitica del caos” Tiberio Graziani 29/12/2016

Lottare per una pace santa Ugo De Siervo 28/12/2016